Spiaggia dei Frati a Numana, Riviera del Conero
Marche

Numana nella Riviera del Conero, fra colori pastello e ristoranti sul mare

Numana in un giorno, fra case pastello e monumenti, ristoranti dove mangiare, panorami e spiagge sulla Riviera del Conero.

In questo periodo di scoperta della regione Marche mi sono spinta a sud di Ancona, e mi sono fermata a Numana nella Riviera del Conero, un borgo dai colori pastello davvero delizioso. La Riviera del Conero è una delle zone più rinomate di tutta la costa adriatica. Entro i suoi confini, da Ancona a Numana, si susseguono piccoli borghi incantevoli e calette nascoste di sabbia bianca e ciottoli, alcune delle quali raggiungibili attraverso sentieri tortuosi che vale la pena di percorrere.

Con i suoi panorami mozzafiato che si godono dalle terrazze del borgo e con le meravigliose casette dai toni pastello che animano i vicoli stretti creando un’armonia di colori, Numana è in grado di far innamorare chiunque. Si trova perfettamente incastonata nella montagna rocciosa bianchissima del Monte Conero e si divide in zona Alta e zona Bassa. La parte Bassa comprende l’area della costiera pianeggiante, compreso il porto turistico e la frazione di Marcelli, un tratto di costa che d’estate si riempie di bagnanti. Numana Alta, invece, si trova alle sommità di una falesia del Conero, e comprende il centro storico della città, il quale si affaccia a picco su due splendide baie note come la Spiaggiola e la Spiaggia dei Frati.

Numana nella Riviera del Conero ha una storia passata molto ricca. Le prime testimonianze dell’esistenza di questo luogo risalgono ai tempi dei greci e dei romani. La città passò poi a Longobardi e, più tardi, sotto il controllo pontificio, divenendo uno dei centri culturali medievali di riferimento. Nel 1860, Numana venne annessa al Regno d’Italia e venne scelta come residenza estiva da alcune famiglie nobili romane. Infine, nel 1918 si rese comune autonomo insieme a Sirolo, fino a divenire uno dei più importanti centri turistici delle Marche.

Cosa vedere a Numana

1) Piazza Nova, piazza della Torre e i panorami mozzafiato

Sono vari i punti di Numana dai quali è possibile regalare alla vista vedute bellissime della costa. Il primo punto panoramico che mi ha affascinato è stato piazza Nova. Il monte Conero sulla sinistra da qui è un gigante ricco di vegetazione e la luce del sole illumina la roccia bianca rendendola brillante e quasi accecante. Il mare invece è un macchia color turchese che lascia spazio ad altre infinite sfumature e che si resterebbe a guardare per ore. Una scaletta da poco inauguarata porta alla meravigliosa spiaggia di Numana Alta.

Lasciando piazza Nova e passando per la piazza del Santuario del Crocifisso, che ospita il Santuario con la famosa croce miracolosa oltre che il Palazzo Comunale, girando a sinistra si giunge nella piazzetta della Torre, da cui si aprono due vedute panoramiche bellissime e diverse tra loro.

Il primo belvedere si trova all’altezza del Monumento del pescatore. La vita di Numana nella Riviera del Conero in passato era fondata sul lavoro dei pescatori del borgo, che adottavano la pesca con la sciabica, ormai non più ammessa. Ogni cosa nelle piazze e nei vicoli del borgo sembra voler rendere onore ai tempi antichi, quando appunto la pesca era una fonte di sussistenza. Così, nella piazza che permetteva l’accesso al mare, venne collocata una statua in bronzo commissionata a Johannes Genemans, uno scultore olandese. Il pescatore dal volto rugoso tiene con una mano i suoi attrezzi da lavoro e con l’altra scorge l’orizzonte. E il mare turchese, il monte Conero imbiancato e i fiori che vestono i lati della terrazza sembrano stare lì per farsi guardare da lui, in un silenzio che si lascia interrompere solo dalla melodia delle onde.

A pochi passi dal Monumento del pescatore, dove si erge la Torre di Numana, vi è un altro panorama bellissimo che questa volta si affaccia sul porto di Numana e sulla spiaggia di Marcelli. Quello che oggi resta della torre di avvistamento della città usata per prevenire gli attacchi dei pirati provenienti dal mare, è un arco romano che domina la piazza in tutto il suo fascino.

2) La Costarella

Un lavoro faticoso e fatto di pazienza quello dei pescatori di Numana ai tempi antichi. Per raggiungere il mare, con i loro attrezzi pesanti addosso, scendevano la via più famosa di Numana, la Costarella, una via senza pavimentazione che solo dopo è stata migliorata e resa più agevole con una scalinata. Percorrendola sembra di sentire l’eco dei pescatori che rientrano stanchi dal lavoro nelle umili dimore, portando con loro l’odore del pesce fresco che poi sarebbe stato venduto sia tra le vie del paese che al di fuori. La via oggi è bellissima e la scalinata, con i suoi vasi di fiori colorati (ahimé, nella foto purtroppo appassiti) che la decorano e i lampioni in stile antico, assume un fascino romantico.

3) Le case color pastello dei pescatori

Una delle cose più belle da vedere a Numana nella Riviera del Conero sono le case dai colori pastello che si aprono davanti alla piazzetta della Torre. Costruite con la pietra bianca del Conero, piccole e disposte su più piani, queste casette erano abitate dalle famiglie dei pescatori, famiglie formate da tanti figli e da genitori anziani che condividevano spazi minuscoli e vivevano con semplicità.

Oggi quelle che un tempo erano le case dei pescatori sono state tutte ritrutturate e intonacate con colori pastello in contrasto tra loro, ma che insieme danno vita a una melodia armoniosa tutta da ammirare. Super curate, rivestite di pietra e decorate con fiori che pendono dai minuscoli balconcini, si susseguono tra vicoli strettissimi percorribili solo a piedi e gran parte dei proprietari le ha adibite a strutture ricettive.


Ristoranti dove mangiare a Numana

La cucina di Numana è tipicamente anconetana e, in quanto tale, vanta un’antica tradizione gastronomica. A Numana ci sono molti ristoranti in cui assaporare i piatti tipici della cucina marchigiana. Io ne ho provati due e ve li consiglio.

Ristorante Eugenio

Eugenio è il ristorante di uno stabilimento balneare di Numana Bassa nelle vicinanze del porto che, a differenza di altri stabilimenti, al di fuori della stagione estiva tiene comunque aperte le porte. Servono cucina mediterranea e piatti sia di carne che di pesce molto buoni, ma nel menù propongono anche piatti vegetariani e adatti a celiaci. Personale gentile e piatti gustosi. Consigliato!

Ristorante La Torre

La Torre si trova nel centro storico, proprio vicino alla piazzetta della Torre, ed è uno dei ristoranti più rinomati di Numana. E’ specializzato in piatti di pesce, ma servono anche piatti tradizionali italiani. I locali interni sono eleganti e raffinati e affacciano sul mare, offrendo una splendida vista del porto. La location è da sogno e, al piano di sopra, si apre una terrazza con pareti di vetro trasparenti che sembra giacere sospesa sul mare. Consigliatissimi i dolci, dal gusto super ricercato!


Cosa fare a Numana

Numana nella Riviera del Conero, grazie alla posizione geografica favorevole, si presta ad attività di ogni tipo. Oltre alla visita del centro storico, del porto turistico, della Spiaggiola e della Spiaggia dei Frati, spostandosi un po’ è possibile scoprire spiagge selvagge, grotte scavate nella roccia, sentieri da escursione, ma anche praticare attività a contatto con la natura e la flora marina. Ecco un elenco di cose da fare assolutamente nei dintorni di Numana.

  • Visita alla Spiaggia delle Due Sorelle (raggiungibile esclusivamente con traghetto via mare dal porto di Numana).
  • Partecipare al Tarta Day presso la Spiaggia delle Due Sorelle (raggiungibile con motonave dal porto di Numana). Numana è infatti la città in cui le tartarughe ferite in mare, dopo la riabilitazione, vengono rilasciate. Informatevi sul sito ufficiale per sapere quando si verifica questo momento commovente.
  • Escursioni nei sentieri del Conero. Alcuni di questi conducono dalle zone alte del monte alle spiagge selvagge più belle e incontaminate della zona. Merita una visita la Spiaggia di Mezzavalle (raggiungibile a piedi in circa venti minuti tramite un sentiero segnalato che si trova lungo la strada provinciale che collega il Conero a Sirolo)

Consigliate qualche altro posto nei dintorni di Numana o nella Riviera del Conero che vale la pena di visitare? Fatemelo sapere nei commenti. Non vedo l’ora di continuare la mia scoperta delle Marche.

Leggi anche: Itinerario gastronomico nelle Marche  | Treia, uno dei borghi più belli d’Italia

Condividi:

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto.